Via Papa Giovanni XXIII
46031 San Nicolò Po (MN)
Tel. 0376 252762

info@cantinegiubertoni.it

Facebook Instagram

© 2022 GIUBERTONI srl, All Rights Reserved

Hospitality

CON UN ORDINE MINIMO DI 12 BOTTIGLIE SPEDIZIONE GRATUITA

s
  /  Cibo&Territorio   /  IL TRAMONTO DI MANTOVA

Una foto del nostro splendido Castello di San Giorgio al tramonto realizzata da Letizia Scardovelli

Costruito a partire dal 1395 e concluso nel 1406 su committenza di Francesco I Gonzaga e su progetto di Bartolino da Novara, è un edificio a pianta quadrata costituito da quattro torri angolari e cinto da un fossato con tre porte e relativi ponti levatoi, volto a difesa della città. L’architetto Luca Fancelli, nel 1459 su indicazione del marchese Ludovico III Gonzaga, che liberò ambienti di Corte Vecchia per il Concilio indetto da Pio II, ristrutturò il castello che perse definitivamente la sua primitiva funzione militare e difensiva.

La Camera Picta (Camera degli Sposi), meravigliosa stanza del piano nobile del torrione nord est del Castello di San Giorgio, è opera di Andrea Mantegna. Il Mantegna l’ha realizzata nell’arco di nove anni, dal 1465 (data incisa sulla parete) al 1475 (data incisa sulla lapide celebrativa all’ingresso della sala), e riadatta lo spazio angusto della stanza cubica con volte su lunette in un susseguirsi di realtà e finzione conferendo all’ambiente un’atmosfera en plein air (dando quindi un’idea di trovarsi in un finto loggiato). Lo spazio di ogni parete della camera è stato diviso dall’artista in tre aperture che trasmettono allo spettatore, attraverso ampi archi, paesaggi bucolici e tende mosse dal vento una forte antitesi con il ridotto ambiente architettonico.

Gli affreschi sono stati realizzati sia a secco (parete nord; questa tecnica permette una cura minuziosa dei particolari) sia a fresco(parete sud; l’affresco obbliga il pittore ad optare per un gusto più sintetico). Due sono le scene dipinte raffiguranti componenti della famiglia Gonzaga, la “Scena dell’Incontro” e la “Scena della Corte“. Con esse Mantegna rende omaggio ai mecenati che tante committenze gli hanno procurato.